La Groenlandia ha un problema con il turismo mordi e fuggi

Fotografie di Michael Wenger
Nella Groenlandia meridionale il turismo sta crescendo, creando nuovi problemi alle comunità locali. Che propongono soluzioni per visitare la regione in modo sostenibile.

8 minuti | 11 Novembre 2022

Vivere ai margini abitati del Pianeta non è facile. Per chi, poi, abita nella Groenlandia meridionale, vivere in una zona che in pochi anni è diventata anche un’attrazione turistica sempre più popolare può essere un vero problema. Relegati ai margini delle decisioni politiche e amministrative, i rappresentanti del turismo della Groenlandia meridionale vorrebbero veder nascere una cooperazione autentica, invece che un turismo di massa.

Grazie alle sue dimensioni, la Groenlandia offre un’enorme varietà di paesaggi, habitat e culture, che attira ogni anno migliaia di visitatori, soprattutto in nave. Il sud della Groenlandia è il luogo da cui i Vichinghi hanno iniziato, i primi europei, a colonizzare l’isola più grande del mondo. Questa zona è diventata una destinazione turistica popolare, soprattutto per vedere i resti di quell’epoca antica. Per sperimentare un po’ di atmosfera sud-groenlandese, molti turisti visitano una comunità. Il problema è che i rappresentanti del turismo locale, in questo processo, vengono spesso ignorati.

 

Il turismo mordi-e-fuggi in Groenlandia

Gli opuscoli patinati di operatori e compagnie di navigazione pubblicizzano viaggi sulle loro navi attraverso i paesaggi dei fiordi della Groenlandia meridionale e visite alle rovine dei Norsemen, che hanno vissuto qui per quasi 500 anni in due grandi insediamenti. Di tanto in tanto viene offerta una visita a una comunità della regione, come momento culturale.

Il più delle volte, però, questi tour sono solo una parte di un viaggio più ampio, perché non è il sud della Groenlandia ad attrarre, ma la baia di Disko con i suoi iceberg vicino a Ilulissat o la natura artica del nord-ovest della Groenlandia, dove vive l’orso polare. Di conseguenza, le visite al sud sono di solito brevi: si sbarca, si osservano le rovine e un membro del team di spedizione ne spiega la storia, si fa una passeggiata nella comunità, si beve una tazza di caffè e una fetta di torta fatta in casa, si scattano alcune foto alle casette colorate, per poi risalire sulla nave e continuare il viaggio. 

Non si tratta di poche decine di visitatori, ma di diverse centinaia in una volta, che sono in crociera attraverso la regione e vogliono sperimentare il paese delle meraviglie artico della Groenlandia. Ma alla fine, cosa rimane per le popolazioni locali che devono vivere qui e le cui case vengono visitate?

Qassiarsuk

I Normanni sotto Erik il Rosso furono i primi europei a giungere in Groenlandia e rimasero anche nel sud della Groenlandia, almeno fino al XV secolo. Le rovine dei loro edifici sono visibili ancora oggi. Qassiarsuk, luglio 2022.

Un settore in espansione

Troppo poco, secondo gli operatori turistici del sud della Groenlandia. Il modo in cui il turismo viene condotto nel loro angolo di Groenlandia, sostengono, è insoddisfacente. Mentre in altre regioni più settentrionali il turismo è in piena espansione e vengono investiti molti soldi in campagne di promozione, il sud è rimasto indietro. «Tutti pensano che quaggiù non stia succedendo nulla», spiega Poul-Erik Frederiksen, operatore turistico di Nanortalik. «Ma la crescita del turismo sta avvenendo proprio ora e non possiamo perdere le opportunità che esistono per sviluppare l’industria turistica».

Ecco perché, da un lato, sperano in un maggiore aiuto da parte del governo, il Naalakkersuisut, e della Banca di Groenlandia. Assistenza finanziaria, prestiti e, soprattutto, un maggiore sviluppo delle infrastrutture della Groenlandia meridionale sarebbero auspicabili per molti abitanti del luogo che vedono nel turismo una buona fonte di reddito. Il rischio, altrimenti, è di cedere lo sviluppo agli operatori turistici stranieri, che hanno a disposizione più denaro per farsi pubblicità con la regione.

Secondo Frederiksen, l’aumento del turismo nel sud della Groenlandia sarebbe un altro punto di forza della regione, che già si distingue dal resto della Groenlandia per l’agricoltura. Il sud è la regione climaticamente più favorevole per l’allevamento e la coltivazione di ortaggi. Questo aspetto era già stato riconosciuto dai Vichinghi sotto Erik il Rosso, quando, intorno al 985, stabilirono il loro primo insediamento vicino a Qassiarsuk, nel sud-ovest della Groenlandia. Due aspetti – quello climatico e quello storico – che hanno un grande potenziale di attrarre turisti.

groenlandia

Per molti è sorprendente che in Groenlandia ci sia l’agricoltura. Il sud, come qui a Qassiarsuk, è una zona tradizionalmente agricola fin dai tempi dei norreni. Luglio 2022.

LEGGI ANCHE: Un viaggio a piedi sulla traccia del Sentiero Italia

Accordi non rispettati

«Molti turisti e anche i tour operator lasciano fuori i rappresentanti locali», afferma Naja Lund, membro del consiglio comunale di Nanortalik. «Alcuni entrano nelle nostre zone senza consultarci, senza permesso e senza pagare», aggiunge Poul-Erik Frederiksen. In effetti, esiste un regolamento dell’Associazione degli operatori turistici di spedizioni artiche (AECO) che specifica come trattare con le comunità e come condurre le visite. Molte navi turistiche sono per lo più solo in transito dall’Islanda verso la Groenlandia occidentale e il Passaggio a Nord-Ovest, e cambiano spesso i loro piani, per cui gli accordi presi con i tour operator spesso saltano e non vengono rispettati. 

Inoltre, molte delle navi che attraversano il paesaggio dei fiordi della Groenlandia meridionale non sono nemmeno membri dell’AECO e quindi non sono vincolate alle sue regole. Gli abitanti del luogo chiedono dunque una migliore comunicazione e soprattutto una maggiore collaborazione tra le compagnie di navigazione e i fornitori da un lato e i rappresentanti del turismo locale dall’altro. «Più con noi invece che solo da noi»: così si potrebbe riassumere la loro richiesta.

 

Più turisti che abitanti

Tuttavia, il desiderio di più turismo non è unanime nella Groenlandia meridionale. Ciò che alcuni accolgono con favore e vorrebbero vedere promosso è visto con preoccupazione da altri abitanti. Molti temono di essere invasi e di non essere in grado di far fronte al numero di stranieri, sia dal punto di vista logistico che psicologico. Il timore non è affatto infondato, poiché molte località della Groenlandia meridionale hanno spesso meno abitanti di quanti siano i passeggeri delle navi. Pertanto, alcuni propongono un limite al numero di visitatori al giorno. Questo non solo darebbe respiro alle infrastrutture locali, che non sono progettate per gestire centinaia di visitatori alla volta, ma migliorerebbe anche l’esperienza degli stessi ospiti, affermano i sostenitori della proposta. 

Tra loro c’è Stine Egede, sindaco di Kujalleq, il distretto più meridionale della Groenlandia. Lui e molti altri non vedono alcun incentivo finanziario nel sistema attualmente in vigore. La maggior parte delle tasse pagate dalle compagnie di navigazione e dalle navi va direttamente a Nuuk, la capitale della Groenlandia, e non alle amministrazioni locali. Inoltre, le potenziali entrate derivanti dagli acquisti dei turisti vengono eliminate perché, secondo uno studio indipendente commissionato da AECO, gli ospiti delle crociere convenzionali spendono molto meno a terra perché ricevono tutto sulla nave rispetto, ad esempio, agli ospiti delle navi da spedizione. Pertanto, il fatto che ci siano più persone sulle navi da crociera non attenua il problema.

groenlandia

Il piccolo insediamento di Aappilattoq sullo stretto del Prins Christian Sound è visitato di tanto in tanto dalle navi, che si fermano qui solo per i servizi strettamente necessari. Luglio 2022.

Groenlandia, spedizioni e viaggi avventura

Le comunità della Groenlandia meridionale non vogliono sbattere la porta in faccia al settore, ma cercano un dialogo su come ottenere il meglio dalla situazione, per tutti i soggetti coinvolti. In alcuni progetti, agli inizi ma di successo, gli operatori turistici hanno lavorato a stretto contatto con i rappresentanti locali e sono stati in grado di sviluppare pacchetti di turismo responsabile, vantaggiosi per tutte le parti. 

A livello politico, gli enti interessati a livello nazionale, regionale e locale stanno sviluppando una strategia per il turismo in Groenlandia. L’attenzione principale è rivolta alla sostenibilità e alla sicurezza, e c’è un particolare desiderio di lavorare con gli esponenti del settore degli expedition travel, le spedizioni e i viaggi avventura. La Groenlandia è convinta che il settore delle spedizioni sia il più forte rappresentante di questi obiettivi. E il sud della Groenlandia può essere altrettanto attraente del resto della regione per le spedizioni, perché ha molto di più da offrire che non solo rovine e qualche timida comunità di pescatori.

Questo articolo è stato pubblicato in collaborazione con PolarJournal, sito di informazione che racconta le zone polari con notizie di politica, cultura, scienza, turismo, storia

Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti alla Newsletter.
Potrai partecipare alla crescita di RADAR e riceverai contenuti extra.

Supporta RADAR Magazine

Il nostro obiettivo è raccontare gli effetti della crisi climatica sul mondo che ci circonda, in modo accurato e accessibile: per questo i nostri articoli non hanno un paywall. Aiutaci a garantire l’accesso libero al giornalismo di qualità, per tutti.

  • Michael Wenger

    Michael Wenger è un biologo marino e appassionato di esplorazione delle zone polari; si occupa di diffondere la conoscenza di queste aree con viaggi, conferenze e articoli.

CORRELATI