L‘elusivo gatto selvatico, nei boschi dell’Appennino ligure

Un cortometraggio di Paolo Rossi e Nicola Rebora mostra le rare immagini del gatto selvatico sull'Appennino ligure, grazie a un paziente ed esperto lavoro di ricerca.

2 minuti | 7 Maggio 2021

“FELIS – Gatto sarvægo” è un cortometraggio realizzato da Paolo Rossi e Nicola Rebora, esperti fotografi di fauna selvatica. Le riprese si sono svolte durante le loro ricerche dell’elusivo gatto selvatico (Felis silvestris silvestris) in val Trebbia, nel cuore dell’Appennino ligure.

Rossi e Rebora sono riusciti a raccogliere alcuni filmati dell’animale nel suo ambiente, grazie all’utilizzo di sei videotrappole e a tantissima passione e pazienza. Non hanno utilizzato attrattivi ma hanno studiato il territorio nel dettaglio. Alla fine, hanno identificato le zone più adatte alla ricerca del carnivoro.

Avvistare un animale così sfuggente è estremamente difficile. Le ricerche preliminari di Rossi e Rebora hanno portato a selezionare un antico bosco di faggi e castagni. Questo ambiente è infatti ricco di anfratti e ripari naturali, adatti come tane per il gatto selvatico e per le sue prede. L’abbondante presenza di roditori e altri piccoli mammiferi, prede ideali dell’animale, ha consolidato la scelta del luogo di posizionamento delle videotrappole. E la scelta è stata ampiamente ripagata.

Il cortometraggio è stato realizzato grazie a uno sponsor principale, la Fondazione Capellino. Hanno contribuito anche le donazioni di privati, raccolte attraverso un crowdfunding dedicato su Produzioni dal Basso. La voce narrante è di Eraldo Minetti. Stefano Anile, esperto di fauna selvatica attualmente in forza alla Southern Illinois University, ha confermato l’identificazione dell’animale.

Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti alla Newsletter.
Potrai partecipare alla crescita di RADAR e riceverai contenuti extra.

Supporta RADAR Magazine

Il nostro obiettivo è raccontare gli effetti della crisi climatica sul mondo che ci circonda, in modo accurato e accessibile: per questo i nostri articoli non hanno un paywall. Aiutaci a garantire l’accesso libero al giornalismo di qualità, per tutti.

CORRELATI